Hot Desking, il nuovo trend della vita da ufficio

C’era la vita da ufficio, c’è lo smart working più o meno volontario, e domani ci sarà l’hot desking. Vien quasi nostalgia a ripensarci, ma fino a inizio 2020 l’ufficio era un po’ come una seconda casa: a ciascuno la sua postazione, scrivania e sedia operativa personalizzati per ricrearsi un piccolo clima famigliare anche per …

Hot Desking, il nuovo trend della vita da ufficio

C’era la vita da ufficio, c’è lo smart working più o meno volontario, e domani ci sarà l’hot desking.
Vien quasi nostalgia a ripensarci, ma fino a inizio 2020 l’ufficio era un po’ come una seconda casa: a ciascuno la sua postazione, scrivania e sedia operativa personalizzati per ricrearsi un piccolo clima famigliare anche per le ore di lavoro.
Poi siamo finiti tutti a casa, a lavorare dapprima in situazioni un po’ di fortuna, dal divano al tavolo della cucina, e poi cercando di organizzare degli spazi di lavoro confortevoli e produttivi.

Ma ora che stiamo ricominciando a tornare in ufficio molti di noi si stanno accorgendo che la propria scrivania, il proprio angolo di mondo lavorativo non esiste più, ed esiste qualcosa di diverso.
Un ufficio come meno postazioni di lavoro rispetto al numero di dipendenti, spazi ibridi e flessibili, e i lavoratori che devono prenotarli in base alle esigenze. È l’hot desking, la nuova organizzazione degli uffici che prevede che più lavoratori utilizzino la stessa postazione in diversi momenti della giornata, della settimana o del mese.

L’hot desking piace alle aziende, perché è moderno, abbatte i costi, consente flessibilità e lavoro di squadra. Ma per più o meno gli stessi motivi piace anche ai lavoratori, perché è la conseguenza più naturale del vero lavoro agile.

Ovviamente bisogna accettare il fatto che la scrivania sulla quale si lavora non sarà più la “nostra” scrivania, ovviamente servono strumenti di collaborazione ancora più sofisticati e performanti, ovviamente finché vivremo tempi di pandemia servirà massima attenzione per igiene e sicurezza. Ma l’hot desking è già tra noi e sembra proprio che lo sia per restare.